Fotovoltaico: i primi dati sono positivi

Si avvicina la chiusura dell’anno solare 2015 e con esso si cominciano a tirare le somme sulla diffusione delle energie rinnovabili sul territorio italiano; dati che, di per sé, presentano un calo rispetto allo scorso anno (il contributo complessivo nella produzione di energia elettriche delle fonti rinnovabili si attesta infatti al 43,3% nel primo semestre del 2015, in calo rispetto all’anno scorso, ma ciò a causa solo di un forte ribasso del settore idro-elettrico), ma che analizzando singolarmente le varie tipologie di produzione dell’energia elettrica, vedono un aumento sostanziale della diffusione del fotovoltaico.

I dati Terna per il 2015: +10,1% per il fotovoltaico

Senza dubbio le notizie sul settore fotovoltaico nel 2015 sono molto incoraggianti. I primi dati raccolti e pubblicati dal Terna: secondo i rilevamenti effettuati, il fotovoltaico nazionale ha visto una crescita del 10,1% nel contributo dato alla produzione di energia elettrica nel territorio italiano, in netto aumento a quanto registrato nello stesso periodo nel corso del 2014.

La rielaborazione di ANIE Rinnovabili: dati incoraggianti

Prendendo come base i dati suddetti, anche l’Osservatorio di ANIE Rinnovabili ha espresso le proprie valutazioni, mantenendosi in linea con quanto espresso dai rilevamenti e fornendo alcuni dati più precisi sulla produzione energetica del fotovoltaico: la potenza totale almeno fino al primo semestre del 2015 è di 127,39 MW, con picchi significativi nei mesi di maggio e giugno. Incoraggianti anche i dati provenienti dagli impianti residenziali: la potenza connessa ammonta a circa 46.08 MW per gli impianti di taglia compresa tra 3 e 6 kW, mentre per gli impianti tra i 20 e i 200 kW si arriva a circa 27 MW. Il presidente di ANIE, Emilio Cremona, ha espresso apprezzamento per gli ottimi risultati raggiunti, ma ha sottolineato come si debba spronare la diffusione delle forme di energia rinnovabili.

Energia Solare Pro Capite: Italia al 3° posto

L’Italia dunque si pone come stato virtuoso in Europa per quanto riguarda il fotovoltaico, al 3° posto con 303 watt installati pro capite. Le previsioni, forse azzardate, del SolarPower Europe prevedono inoltre che il fotovoltaico, grazie ad un sensibile calo dei prezzi, raggiungerà i 250 GW di potenza installata, portando il contributo energetico dello stesso sulla domanda di energia a livello europeo al 10% nel 2026.